L’IMMAGINE DELLA DONNA NELLA PUBBLICITA’ ITALIANA

COSTITUZIONE ITALIANA – Art. 21
….
Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

 

Camminare per le strade delle nostre città significa posare lo sguardo sulle affissioni che ne rivestono i muri. In esse, come nella maggior parte delle campagne pubblicitarie attuali, protagonista è la donna, o meglio è l’immagine che di essa ci restituisce quella fabbrica di sogni e d’illusioni che è la pubblicità[1].  

Pubblicità sessista

 

La pubblicità è stata una delle prime forme di comunicazione di massa ad essere analizzata e criticata nella rappresentazione dei ruoli sessuali.

La pubblicità non consiste tanto nel descrivere un mondo reale, ma piuttosto nel creare un modo di essere un soggetto, sollecitare una certa idea di sé. La pubblicità, come la vediamo nella TV oppure nelle riviste, ha come scopo primario quello di vendere prodotti.

Leggi tutto “L’IMMAGINE DELLA DONNA NELLA PUBBLICITA’ ITALIANA”

LA DONNA E LA TELEVISIONE

Come fa notare l’avv. Moretti, è ormai risaputo che “la televisione italiana rappresenta la società in un modo irreale, macchiettistico quasi, rappresentando uomini e donne di una Italia che non esiste, o non esiste più.

Uomini attempati vestiti in giacca e cravatta al fianco di giovani seminude, belle e mute.

Non solo in programmi quali Veline, Ciao Darwin e Striscia la Notizia al centro di critiche da anni, ma anche in icone della modernità e dell’intellettualismo come Che tempo che fa (si pensi alla bella svedese Filippa Lageback che accanto a Fazio, non ha altro ruolo se non quello di sorridere) o alle vallette del Festival di Sanremo.

La donna rimane ai margini, subordinata, muta o tutt’al più sorridente, oggetto di sketch televisivi dove l’uomo è dipinto come un vecchio bavoso che seduce la giovane, spesso inquadrata dal basso” [1].

 

 

[1] Moretti C., Stereotipi di genere e discriminazione in Tv. L’Italia è fuori legge in http://tlc.aduc.it/rai/articolo/stereotipi+genere+discriminazione+tv+italia+fuori

_20796.php

RAPPRESENTAZIONE STEREOTIPATA DELLE DONNE NEI MASS MEDIA

Sin dall’infanzia, scriveva Mary Wollstonecraft già nel 1792, viene insegnato alle donne che la bellezza è il loro lo scettro; “la loro mente si modella sul corpo e, ciondolandosi nella gabbia dorata, cerca solo di venerare la propria prigione[1]“.

Generalmente, si dedicano molte ore della settimana a guardare la TV, a leggere riviste e altre pubblicazioni, a contemplare cartelloni pubblicitari, al cinema, e quindi si è esposti costantemente alla cultura popolare e alla pubblicità. È impossibile pensare che questo non abbia nessun impatto sul modo in cui l’individuo si pone e sulle sue aspettative negli altri intorno a lui.

Inoltre, un altissimo numero di immagini di persone apparentemente perfette, come ad esempio nelle pubblicità, circolano nei media e possono alterare la percezione degli individui su se stessi.

Attraverso l’alto numero d’immagini di donne e uomini, e la trasmissione di codici di genere e di sessualità che entrano a fare parte dei concetti di cultura, i media hanno un grande impatto sulla nostra identità.

La maggior parte degli uomini e delle donne nei media corrispondono in comportamento e in funzione a stereotipi socialmente prestabiliti.

In televisione, spesso le donne non hanno voce, o sono associate a temi come sesso, moda, spettacolo e bellezza[2].

Quando si tratta di parlare di protagoniste femminili, spesso le riviste o i giornali riportano notizie su come sono vestite e truccate sminuendo il ruolo che rappresentano.

 

[1] Wollstonecraft M., Sui diritti delle donne, RCS Quotidiani S.p.A., Milano 2010, pagg. 54-55.

[2] Spinelli B.-Giuristi Democratici, Rapporto ombra elaborato dalla piattaforma italiana “Lavori in Corsa: 30 anni CEDAW”, Giugno 2011.

LE VIOLENZE ALL’INTERNO DELLE RELAZIONI

Violenze sessuali, violenze fisiche su donne e bambine, violenze domestiche, femminicidi. Sono tante, tantissime le donne uccise per mano di uomini respinti. In Italia, ma non solo. Le vittime sono di ogni età, religione, razza, Paese, classe sociale.

Poi ci sono quelle uccise da mariti, ex mariti, fidanzati, ex fidanzati, padri, compagni, ex compagni. È il dramma della violenza legato all’amore che finisce, la violenza che avviene all’interno di una relazione sentimentale.

Sono i cosiddetti delitti passionali come vengono erroneamente definiti dalla cronaca quasi come fossero questioni di famiglia, questioni private. La violenza domestica non viene ancora percepita come un crimine.

Invece questi sono delitti, omicidi di una violenza estrema da parte dell’uomo contro la donna, in quanto donna.

La violenza di genere riguarda soprattutto i contesti in cui le donne sono più libere di scegliere della propria vita. Il fenomeno cresce con l’aumentare dell’emancipazione, cresce quando le donne si rendono autonome attraverso il lavoro, cresce quando le donne scelgono di lasciare un uomo che non amano più.

Si tratta, in ogni caso, di uomini dalla personalità fragile, di menti fragili e per niente evolute per cui infliggere la morte alla donna che li ha lasciati è averne il possesso supremo.

Predomina l’idea maschile di relazione con le donne basata sul possesso e sulla subordinazione femminile al potere maschile, ossia una visione proprietaria e distruttiva degli affetti.

Complice di tutto questo è il contesto sociale patriarcale. Nonostante i profondi cambiamenti socio-culturali, le forme di comunicazione in famiglia tendono ancora a sottolineare la differenza di genere secondo immagini stereotipate: si incoraggiano atteggiamenti, comportamenti e ruoli ritenuti più adatti per un maschio o per la femmina.

Anche il sistema scolastico è responsabile e portatore di stereotipi di genere: i bambini sono incentivati a esprimere forza, razionalità, oggettività, creatività, ad aspirare a ruoli di rilievo mentre alle bambine sono richieste tranquillità, passività, soggettività, docilità, aspirazione a ruoli privati e educativi, dedizione alla famiglia.

Il mondo dell’associazionismo e del volontariato, in questi anni, è intervenuto generosamente, ma i centri antiviolenza e i centri di ascolto restano insufficienti e ricevono pochi finanziamenti. Così come poche sono le risorse destinate alla prevenzione.

Le Istituzioni devono necessariamente riflettere sull’opportunità di nuove modalità di collaborazione tra pubblico e privato, in un momento in cui il welfare tradizionale non riesce più a far fronte in maniera efficace a tutte le esigenze.

Infine, il cambiamento deve venire dalla cultura, dall’educazione, dalle leggi, dall’insegnamento alla parità dei sessi e al rispetto reciproco, dalla promozione, nel mondo della ricerca scientifica, nella scuola e in tutto il percorso formativo, di una cultura rispettosa della dignità di donne e uomini.