Gli stereotipi di genere alimentati dalla cultura sociale

1.1.) Il doppio carattere degli stereotipi

1.2.) Sono radicati nella cultura sociale

1.3.) Cosa fare

 

1.1.) Il doppio carattere degli stereotipi

Per loro natura gli stereotipi di genere hanno un doppio carattere: definiscono ciò che sono le persone, ma anche come dovrebbero essere.

Quello che è pericoloso è che, creando aspettative differenti per i comportamenti maschili e femminili, finiscono con l’avere una funzione normativa nel prefigurare un certo tipo di comportamento come più desiderabile per un genere anziché per un altro[1]”.

Il problema diventa più grave allorché si aggiunge un giudizio. Se la società ritiene che un determinato comportamento non sia accettabile, chi lo segue è giudicato negativamente e ciò può diventare causa di discriminazione.

Non solo, ma quelle stesse qualità che nell’uomo sono considerate apprezzabili dalla mentalità comune, come l’autorevolezza, la competizione, se espresse da una donna vengono giudicate negativamente, perché da lei ci si aspetta un confronto su basi paritarie ed un atteggiamento più incline alla mediazione.

La piccola cuoca_Pierre Édouard Frère_Brooklyn Museum
La piccola cuoca, Pierre Édouard Frère, Brooklyn Museum

1.2.) Sono radicati nella cultura sociale

Gli stereotipi non permettono i cambiamenti ed inoltre, in quanto continuamente alimentati dalla cultura sociale, non vengono messi in discussione, ma perdurano anche quando sono cambiate le condizioni e lo stesso humus culturale che li ha generati.

Gli stereotipi di mascolinità e di femminilità infatti, in quanto semplificazioni con cui la società condivide e stabilisce comportamenti appropriati per l’uomo e la donna ed in quanto sono delle categorizzazioni, sono radicati nella cultura sociale (e quindi difficilmente mutabili) e vengono trasmessi dalla famiglia e dalla scuola.

L’interpretazione e la classificazione della realtà attraverso gli stereotipi ed in particolare attraverso quelli di genere portano ad una rappresentazione che spesso non coincide con l’evidenza empirica e possono provocare delle conseguenze anche gravi.

Per esempio sui processi di autostima, alimentando nelle donne lo sviluppo di sentimenti di sottomissione e passività; negli uomini, violenza, connessa con le pratiche di addestramento all’antifemminilità, omofobia, transfobia e aggressività, ma al contempo confusione ed insicurezza.

1.3.) Cosa fare

Le esperienze fatte nei primi anni possono essere responsabili di buona parte dei pregiudizi che troviamo negli individui adulti. I bambini spesso imparano a pensare come i loro genitori e apprendono dai mass media diversi atteggiamenti negativi.

Sono la famiglia e la scuola che per prime dovrebbero educare i bambini per evitare che la disuguaglianza di genere si trasformi, negli anni, in disuguaglianza sociale, nel lavoro e nella vita.

Il che vuol dire non solo aiutare nella scelta del proprio percorso non pregiudicando alle ragazze studi ritenuti ancora da tanti maschili, anche perché poi le ragazze che vi si cimentano, dimostrano spesso di essere più brave e di ottenere risultati migliori e in breve tempo.

Vuol dire anche educare alla lotta contro stereotipi ormai entrati nel senso comune e quindi facilmente assimilabili nella crescita, stimolando l’esame critico.

Bisogna partire dal presupposto che i ruoli, non essendo imposti per natura, ma, in quanto frutto di stereotipi, possono essere modificati per garantire a se stessi la libertà di scelta.

Solo questa consapevolezza e la comprensione delle logiche che sottintendono i nostri comportamenti e le dinamiche sociali ci permettono di assumere un approccio critico nei confronti di ciò che ci viene proposto per eliminare tutti gli atteggiamenti limitanti e condizionanti.

Solo affrontando la realtà con un’ottica di genere possiamo combattere le disuguaglianze sociali e tutti quegli stereotipi culturali che, ancora oggi, impediscono non solo alle donne, ma anche agli uomini, di esprimere le loro potenzialità.

[1] Santoni B. (a cura di), Contro l’Omofobia. Strumenti delle Amministrazioni Pubbliche locali dell’Unione Europea, in Regione Piemonte, Torino 2011