UNA DEFINIZIONE DI STEREOTIPI DI GENERE

Stereotipi sessuali e di genere

Per stereotipi sessuali e di genere si intendono quei meccanismi di categorizzazione ai quali ricorrono gli individui per interpretare, elaborare, decodificare, ristrutturare la realtà sessuale, ossia la rappresentazione di ciò che è maschile e ciò che è femminile.

Lo stereotipo femminile verte sulla posizione più subordinata della donna rispetto all’uomo. Il suo ruolo è sempre stato legato fin dagli albori al compito di madre e moglie, che si occupa della casa e della famiglia.

Appare chiaro che le caratteristiche discriminanti i sessi vengono definite secondo una schematizzazione che nella definizione del maschile individua le caratteristiche di attività, assertività, ambizione, competenza, auto direzione, orientamento allo scopo, indipendenza, autonomia, decisione e, nella definizione del femminile, caratteristiche legate all’ambito interpersonale, quali emotività, gentilezza, cordialità, sensibilità alle relazioni, bisogno di filiazione e nel contempo passività, remissività, dipendenza, ecc.

In questa direzione, tutte le tipizzazioni positive risultano connesse al maschile, mentre il negativo è strettamente associato al femminile; si evidenzia dunque un chiaro contenuto di dominanza/potere per lo stereotipo maschile e di subordinazione/sottomissione per lo stereotipo femminile.

Gli stereotipi di genere sono una sottoclasse degli stereotipi. Quando si associa, senza riflettere, una categoria o un comportamento a un genere, si ragiona utilizzando questo tipo di stereotipi. Non è un caso se la maggior parte di noi associa un ingegnere o uno chef a un uomo, mentre secondo le nostre mappe mentali l’insegnante di scuola materna è una donna. Associazioni che nella nostra mente scattano automatiche e che quindi sono molto difficili da estirpare o cambiare[1].

L’uso degli stereotipi di genere conduce infatti a una percezione rigida e distorta della realtà, che si basa su ciò che noi intendiamo per “femminile” e “maschile” e su ciò che ci aspettiamo dalle donne e dagli uomini. Si tratta di aspettative consolidate, e non messe in discussione, riguardo i ruoli che uomini e donne dovrebbero assumere, in qualità del loro essere biologicamente uomini o donne.

Ad esempio la donna è considerata più tranquilla, meno aggressiva, sa ascoltare e ama occuparsi degli altri, mentre l’uomo ha forte personalità, grandi capacità logiche, spirito d’avventura e capacità di comando.

La donna, giudicata sulla base di stereotipi, si ritrova come ingabbiata in uno stile di vita e in situazioni che ne limitano l’azione e il pensiero: ad esempio, fatica non poco a far comprendere che le proprie aspirazioni e attitudini non si limitano al ruolo materno e alla cura dei propri familiari.

http://www.liberoquotidiano.it/news/libero-pensiero/881722/Togliete-i-libri-alle-donne-.html

[1] http://www.regione.piemonte.it/pariopportunita/dwd3/CDP/temadic2008.pdf

LA DONNA E LA TELEVISIONE

Come fa notare l’avv. Moretti, è ormai risaputo che “la televisione italiana rappresenta la società in un modo irreale, macchiettistico quasi, rappresentando uomini e donne di una Italia che non esiste, o non esiste più.

Uomini attempati vestiti in giacca e cravatta al fianco di giovani seminude, belle e mute.

Non solo in programmi quali Veline, Ciao Darwin e Striscia la Notizia al centro di critiche da anni, ma anche in icone della modernità e dell’intellettualismo come Che tempo che fa (si pensi alla bella svedese Filippa Lageback che accanto a Fazio, non ha altro ruolo se non quello di sorridere) o alle vallette del Festival di Sanremo.

La donna rimane ai margini, subordinata, muta o tutt’al più sorridente, oggetto di sketch televisivi dove l’uomo è dipinto come un vecchio bavoso che seduce la giovane, spesso inquadrata dal basso” [1].

 

 

[1] Moretti C., Stereotipi di genere e discriminazione in Tv. L’Italia è fuori legge in http://tlc.aduc.it/rai/articolo/stereotipi+genere+discriminazione+tv+italia+fuori

_20796.php

APPROVATO IN SENATO IL DISEGNO DI LEGGE N. 1200/2019

Approvato in Senato il disegno di legge n. 1200/2019 di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere.

Ribattezzato “Codice rosso” introduce i reati di revenge porn, sfregi e matrimoni forzati, impone pene più severe per reati commessi in contesti familiari o nell’ambito di rapporti di convivenza e aumenta le pene per violenza sessuale e stalking.

Nello specifico, il provvedimento stabilisce che la polizia giudiziaria dovrà comunicare al pubblico ministero le notizie di reato relative a maltrattamenti, stalking, violenza sessuale e lesioni aggravate compiute all’interno del nucleo familiare o tra conviventi; la vittima dovrà essere ascoltata dal magistrato entro massimo tre giorni dall’iscrizione della notizia di reato. Nel caso venga accertata la violenza, il responsabile potrà essere condannato ad una pensa detentiva dai tre ai sette anni; la pena potrà essere aumentata fino alla metà se la violenza è avvenuta davanti ad un minore, ad un disabile o ad una donna incinta, o se l’aggressione è armata.

Leggi tutto “APPROVATO IN SENATO IL DISEGNO DI LEGGE N. 1200/2019”

LE TEMATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA

La prima causa della violenza maschile sulle donne, che non è solo fisica ma anche psicologica ed economica, sta nella discriminazione che le donne subiscono a causa della cultura patriarcale dominante.

Restare indifferenti, o relegare alle donne queste tragiche problematiche, è una forma di connivenza.

La lunga coda di violenze e soprusi nei confronti delle donne, di cui quotidianamente veniamo a conoscenza, lancia necessariamente messaggi di allarme su quelle che sono le relazioni tra generi e impone di riconsiderare il modello educativo in alcune sue parti.

Leggi tutto “LE TEMATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA”